Poesia

Lu munnu è cambiato
Lu munnu è cambiato

Ra li campagn, sparsi, turnavanu a la casa

li stanchi cuntadini cu lu suli oramai calatu

ma quanna la famiglia tutt a tavola s’aunìa

ascìa la stanchizza e trasìa l’armunia

roppu c’avìa mangiatu, nu cujetu vicchiarieddu

s’assittava nnanz la porta a lu friscu ri la sira

a la croccia avia appuggiati na manu ngoppa nata

e na pipparedda mmucca mangu carricata

na cucchia ri uagliungieddi, sapennu sta custumanza

attuornu s’accuglìanu pi si fa fà nu cuntu

n’terra si nguattavanu ngrucicchiannu vrazza e gammi

com a l’indiani inta n’accampamentu

Ne zi, cuntatingi ri quann a la uerra siti iutu!

pusata a lu taschinu la pippa mai appicciata

cu l’uocchi aummituti e l’aria rispiaciuta

cuntava  tutt  l’avvinturi   ca     n’guerra   avìa    patutu

Viriti, figli belli, chiddu ca vi cuntu

sia r’inzignamentu pì mai vulì la uerra

ca nun gè chi la perdi e chi la vingi

ma porta sulu ranni e giuvani ra chiangi

tant’ ati fattarielli e tanti li cunzigli

ca ria a sti uagliungieddi accuoti tutt’attuornu

parìanu parole ca vulavanu cu lu viendu

ma tisoro ni facìanu tinennu tutt a mente.

Lu munnu è cambiato, pensa nu uagliengieddu

mo che s’è fattu viecchiu e cu la barba janga,

assittatu nnanz la porta a la stissa vanna,

nisciunu veni attuornu pi si fa fà nu cuntu.

Cu n’aggiggiu mmanu, ognunu ndaffaratu

passa pi dannanti cu la capu mai aizata

nisciunu si n’adduna ri du vicchiarieddu

ca uerre nunn ha fattu ma putissi rà cunzigli

Il mondo è cambiato

Dalle campagne, sparsi, tornavano alle loro case

gli stanchi contadini con il sole ormai tramontato

ma quando la famiglia tutta a tavola si riuniva

usciva la stanchezza ed entrava l’armonia

dopo aver mangiato, un tranquillo vecchierello

si sedeva davanti la porta al fresco della sera

sul bastone aveva appoggiate una mano sopra l’altra

e una piccola pipa in bocca neanche caricata

un gruppetto di ragazzini, conoscendo quest’abitudine

intorno si raccoglievano per farsi fare un racconto

a terra si accovacciavano incrociando braccia e gambe

come gli indiani in un accampamento

Raccontateci di quando in guerra siete andato!

riposta nel taschino la pipa mai accesa

con gli occhi inumiditi e l’aria rattristata

raccontava le avventure che in guerra aveva patito

Vedete, figli belli, ciò che vi racconto

sia d’insegnamento per mai voler la guerra

perché non c’è chi la perde e chi la vince

ma arreca solo danni e giovani da piangere

tanti altri fatterelli e tanti i consigli

che dava ai ragazzini raccolti tutt’intorno

sembravano parole che volavano col vento

ma tesoro ne facevano tenendo tutto in mente.

Il mondo è cambiato, pensa un ragazzino

ora diventato vecchio e con la barba bianca,

seduto davanti la porta nello stesso posto,

nessuno viene intorno per sentire un racconto.

Con un aggeggio in mano, ognuno indaffarato

passa lì davanti con il capo mai alzato

nessuno se ne accorge di quel vecchierello

che guerre non ne ha fatte ma potrebbe dar consigli

 

Dicembre 2017            Lorenzo Carrato                     scarica la versione pdf

L'emigrante
L’emigrante 

Lu iuornu ca lasciasti sta terra

na spina si ficcau inda lu cori,

pi ti accuminciau na  uerra         

e lasciasti amici e  genitori.        

Ra lu trenu uardavi lu mari,

lu suli ca calava e si nicava

ma tu ca  nun ci putivi stari,

picchì la  fatia ti mancava.          

Li suoni ri lu vicu sintivi,

l’agenti ca ti parlava,

ri  nustalgia mo suffrivi

e nisciunu ti stirava e lavava.

L’anni passaru e tu turnavi

e ogni bota tuttu cambiava,

amici e  agenti nun truvavi,

la picundria  ti ndruvulava.

Frastieri e persu  ti sintivi,

inda li ricordi ti nicavi,

fra li sintimenti ti pirdivi,

ra sulu cu lu passatu parlavi.

La terra ca lasci la truovi,

ma l’usanzi si cangianu,

tuttu sembra ca si movi,              

sulu li ricordi rumaninu.

Nun mai sai addo’si mori,

però nun c’avima  pinzà

tutti l’ anni ca na ma truvà,

fra musica, vinu, tradizioni e sapuri, paisà, 

a la festa ri l’emigrante n’amà abbrazzà!

L’emigrante

Il giorno che lasciasti questa terra

una spina si infilò nel cuore,

per te iniziò una guerra

e lasciasti amici e genitori.

Dal treno guardavi il mare,

il sole che calava e annegava,

ma qui tu non potevi stare,

perché il lavoro ti mancava.

Il suono del tuo quartiere sentivi,

la tua gente che parlava,

di nostalgia adesso soffrivi

e nessuno che ti stirava e lavava.

Gli anni passarono e tu tornavi

e ogni volta tutto cambiava,

amici e persone non trovavi,

l’ipocondria ti intristiva.

Forestiero e perso ti sentivi,

nei ricordi annegavi,

fra i sentimenti ti perdevi,

da solo col passato parlavi.

La terra che lasci la ritrovi,

ma le usanze cambiano,

tutto si trasforma,

restano solo i ricordi.

Però non dobbiamo pensarci,

riempiamo di allegria il cuore,

tutti gli anni qua dobbiamo ritrovarci,

tra musica, vino tradizioni e sapori, “paesà”,

alla festa dell’emigrante ci abbracceremo.

agosto 2018                     Nino Di Benedetto                   Scarica la versione pdf

Li fasuli ri la rigina
Li fasuli ri la rigina  

Cunta la liggenda ca nu certo cavalieri

stimatu ra lu re e tuttu lu palazzu

purtavo a la rignanti, pi li fa umaggio

nu bellu sacchitieddu chinu ri fasuli

Lu re e la consorte ca apprizzaro tantu gustu

vulero ra nu nome a sta prilibatezza

e lu cavalieri, pi onore a la suvrana

“li fasuli ri la rigina” ra tannu li chiamao

N’ucchiciello niuro pi si fa canusci

ra l’ati, puri loro tunnuliddi e cu la cammisedda janga

ma pi putì capì tutta sta mpurtanza

lu gustu e lu palato a na fa la cunuscenza

Vulennu cultivà chistu priziusu ortaggio

se da tinì prisente ca nu faci a tutt vanni

ngi vonu tri ngridienti pi fa vunguli belli

“aria ri cullina, acqua ri vadduni e suli ri Ciliento”

Si vuò ngarrà sicuro lu tiempo pi li ntirrà,

rici lu ritt antico pi nun ti fa scurdà,

“quanna ngumingia a mbucà lu suli

 scippa li patani e chianta li fasuli”

S’arrampicano a li pali, chiantati tutt a fila

ca parino surdati a lu prisentatarm

si coglinu ca sonano si tutti su siccati

e stisi ngoppa n’astricu a finì ri si curà

N’tiempi chiù rimoti, attuornu a la fucagna

s’accugliaano li pirsune a scucchiulà fasuli

passava la sirata r’allegra cumpagnia

facennu tanti cunti cu ricca fantasia

Ri tila na sacchetta stipata a lu cascione

e li pappici uliusi si li putiano sunnà

s’apria la sira annanti ri quanna s’aviana coci

a piglià quarch vrangata pi li fa ammuddà

Nu caccavu ri crita a lu fucarieddu lento

na capo r’aglio sfritta cu nu pipaulieddo

na foglia r’acciu aggiunta nzieme a li fasuli

a rifunni na ndicchia r’acqua e ore a murmurià

Tante su li manere ri li priparà

si pasta e fasuli è la morte loro

chi vi rico a fa comi sano cu li scarole

o pi li gusti raffinati nzieme a li castagne

Si nu bicchirieddu accumpagna sta pietanza

scusassivi la rima, na Pasca stai la panza

ma roppu rui piatti è festa a lu paisi

cu la musica ca sona e li fuochi r’artificio

I fagioli della regina

Racconta la leggenda di un certo cavaliere

stimato  dal re e da tutto il palazzo

portò alla regnante,  per farle omaggio

un bel sacchetto pieno di fagioli

Il re e la consorte che apprezzarono tanto gusto

vollero dare un nome a questa prelibatezza

e il cavaliere, in onore della sovrana

“i fagioli della regina” da allora li chiamò

un occhietto nero per farsi riconoscere dagli altri,

anche loro rotondetti e con la camicetta bianca

ma per poter capire tutta questa importanza

il gusto ed il palato devono fare conoscenza

Volendo coltivare questo prezioso ortaggio

è da tener presente che non cresce dappertutto

ci vogliono tre ingredienti per fare dei bei baccelli

“aria di collina, acqua di ruscello e sole del Cilento”

Se vuoi essere certo del momento per seminarli

dice un detto antico per non farti dimenticare

“quando comincia ad infuocare il sole

tira le patate e pianta i fagioli”

Si arrampicano intorno ai pali, piantati tutti in fila

che sembrano soldati al presentatarm

si raccolgono quando scrocchiano se sono secchi

e stesi su un solaio a finire di seccare

In tempi più remoti, intorno al camino

si raccoglievano le persone a sgranare fagioli

trascorreva la serata di allegra compagnia

raccontando tanti “cunti” con ricca fantasia

Di tela un sacchetto conservato nel cassone

e i pappici golosi se li potevano sognare

si apriva la sera prima di cuocerli

a prenderne qualche manciata per ammorbidirli

Una pentola di creta sul fuocherello lento

uno spicchio d’aglio soffritto con un peperoncino

una foglia di sedano aggiunta insieme ai fagioli

rifondendo un tantino d’acqua e ore a borbottare

Tante sono le maniere per poterli preparare

se pasta e fagioli è la morte loro

che vi dico a fare che sapore hanno con le scarole

o per i gusti raffinati insieme alle castagne

Se un bicchiere di vino accompagna la pietanza

scusatemi la rima,  come una Pasqua sta la pancia

ma dopo due piatti è festa al paese

con la banda che suona e i fuochi d’artificio

Novembre 2017            Lorenzo Carrato                     scarica la versione pdf

Il mio paese
Il mio paese

Le cime a scranno del fulgido monte

già dal levarsi cullano il sole

degrada a valle tra i cedui boschi,

a carezzar le amene colline.

Rannicchiato e assorto sul florido colle

osservi dall’alto i vicini fratelli,

volgi lo sguardo oltre i sentieri

a mirare la torre che illumina il mare,

socchiusi poi gli occhi, liberata la mente

fantasticando scorgi l’assopito nocchiero.

Lo sguardo spingi verso levante

vedendo intrise di storia le onde che

benevoli accolsero i giovan trecento.

Distrutto, mai domo rinascesti più in alto

partoristi eroi che chiamaron briganti,

per un solo vessillo affrontarono le armi.

Piangi i tuoi cari dalle guerre rapiti

e mai più a te han fatto ritorno.

Tendi le braccia agli esuli figli

vorresti  cingerli e a te riportarli,

non ti crucciare se ti hanno lasciato

solo per meglio confidar nella sorte,

nella speranza di ritrovare il tuo amore

ti porteranno per sempre nel cuore.

Ottobre 2017           Lorenzo Carrato            scarica la versione pdf

U Ciliendu

U Ciliendu

Ciliendu miu Ciliendu,

addù s’è fermatu lu tiempu,

terra ri vuoschi e di calanghi,

ri hiumari e di antichi brianti.

Tanti  figli tuoi parteru

a truvà du pane ca nu teneru,

ma sempi ti purtaru inda lu cori,

finu al’ultimu suspiru ri chi mori

Nu iuorni avietta parti puri iu,

abbrazzanno chiddi ca rimaneru,

na lacrima scinnetti e mi girai,

muzzicannumi li labbra suspirai.

Comi nu viecchiu sulu e stancu

chiami ogni figliu ca ti manca

e  dici:  <<torna,  nu fa mori sta terra

come pi lu passatu ha fattu la uerra>>.

Si la fauci m’avissa meti prima tiempu

m’anà purtà addo’ uscia lu vientu

addo’ lu mari si vasa cu lu cielu

addo’ lu suli si vasa cu lu milu

Chisà  come è venuta sta vasata?

L’amuri pi  sta terra l’è spirata

e, come si fussi nu turmiendu,

griru fino a chi hiatu tengu: << viva lu Ciliendu >>.

Il Cilento

Cilento mio Cilento,

dove si è fermato il tempo,

terra di boschi e di calanche,

di fiumane e di antichi briganti.

Tanti  figli tuoi partirono

a trovare il pane che non ebbero,

ma sempre ti portarono nel cuore,

fino all’ultimo respiro di chi muore

Un giorno dovetti partire anch’io,

abbracciando quelli che rimasero,

una lacrima scese e mi girai,

mordendomi le labbra sospirai.

Come un vecchio solo e stanco

chiami ogni figlio che ti manca

e  dici: <<torna,  non far morire questa terra

come nel passato ha fatto la guerra>>.

Se la falce mi dovesse mietere anzitempo

mi devono portare dove soffia il vento

dove il mare si bacia con il cielo

dove il sole si bacia con il melo

Chissà  come è venuta questa baciata?

L’amore per questa terra l’ha ispirata

e, come se fosse un tormento,

grido fino a quando fiato ho: << viva il Cilento >>.

Dicembre 2017    Nino Di Benedetto                               Scarica la versione pdf

Genti ri na vota
Genti ri na vota
Persone d’altri tempi

Mi pari nu suonnu ca veni a la mente
ri comi campava a nu paisi la gente

Mi sembra un sogno che torna alla mente
di come vivevano in un paese le persone

Gruossu nunn’era e nun g’era ricchizza
ma nu mangava armunia e franchizza

Grande non era e non c’era ricchezza
ma non mancava armonia e franchezza

Chisti su rime senza pinzièri
ca cuntanu oi, li pirsuni r’aieri

Queste sono rime spensierate
che oggi raccontano le persone di un tempo

Arruvugliata na scoglia, ngoppa nu gralinu
na buatta stagnava zi Pietru lu stagninu

Arrotolata una scoglia (cartina per fumare ricavata dalle foglie di granoturco) seduto su un gradino
un barattolo (di latta) stagnava zi Pietro lo stagnino ( chiudendo ermeticamente con delle prelibatezze all’interno da mandare a parenti emigrati )

S’a la marina trunava e la jurnata n’ascìa
zi Peppu a lu vuttaru na stila facìa

Se dal mare provenivano i tuoni e la giornata non era chiara
zi Peppo in cantina costruiva un manico (per la zappa. Erano lavori che si facevano quando non era possibile andare in campagna)

Lu màntici minavi si nu bbirivi scampà
a la forgia ri zi Muntanu pi na zappa furgià

Il mantice (manovella per ravvivare la brace della fucina) giravi se pioveva senza smettere

Alla forgia di zi Montano per forgiare una zappa (o qualche altro attrezzo per la campagna)

Ma càuru o friddu, prima ca juornu schiaràva
Vintura a lu furnu già lu ppani mburnava

Con il caldo o col freddo, prima che la luce del giorno rischiarava

Ventura il fornaio già il pane infornava

Cù nu quartu e na assùsa era na festa
la siti ti livavi a la cantina r‘ Agresta

Con un quarto (di vino) e una gassosa era una festa

la sete ti toglievi alla cantina di Agresta

 

Ma festa era pure si ieri bellu vistutu
cu l’abitu nuovu ra lu sartu cusutu

Ma festa era anche se eri ben vestito

con l’abito nuovo dal sarto cucito

Si sutta la scarpa nu bucu spuntava
cu la suglia e lu  spau lu scarparu accunzava

Se sotto la scarpa un buco spuntava

con la lesina e lo spago il calzolaio aggiustava

Lu granu macinavanu cumpa Nicola o zi Ninu
a chi nzocca arrivava a lu nuovu mulinu

Il grano macinavano compare Nicola o zi Nino

a chiunque si recasse al nuovo mulino

Si la spisa aviva fa, la putia apria avietta
lu stiavuccu inghivi e signavi a libretta

Se dovevi far la spesa, la bottega (alimentari) apriva presto

lo stiavucco (fazzoletto grande a quadri) riempivi e segnavi sulla libretta (un piccolo quadernino con la copertina nera)

Zi Giuliu la pippa, ngoppa nu aifu fumava
e li uai passati ri la prima uerra cuntava

zi Giulio la pipa, su un ballatoio (davanti casa sua) fumava

e le sue avventure della prima guerra mondiale raccontava

Assittàta a la Pagliara, Mamma Ngiulina assai schietta
cu lu fusu filava e po facìa la cauzetta

Seduta alla Pagliara (vicolo molto armonioso di Montano) Mamma Angiolina assai schietta
con il fuso filava e poi faceva la calzetta

Quanna lu falignami la pialla accattàu
lu viecchiu chianuozzulu abbandunau

Quando il falegname la macchina piallatrice comprò,
la piccola pialla a mano abbandonò

Si nnanzi lu tabacchinu nu uagliunu passava
a lu trappitu pì la vrascia, zie Lucia lu mannava

Se davanti al Tabacchi un ragazzo passava
al frantoio a prendere la brace, zia Lucia lo mandava

Nu pocu chiù tardi e rimanivi a l’impieri
inta lu saluni ri zi Peppu u barbieri

Un poco più tardi e rimanevi in piedi (aspettando il turno)
nel salone di zi Peppo il barbiere

Si jucavi a palluni mienzu a la via

la uardia arrivava e lu juocu finìa

Se col pallone giocavi per strada

la guardia comunale arrivava e il gioco finiva

Ri la jurnata ieri stancu, e no pi ghì a zonzu
ma n’asciuta la facivi a lu bar ri zi Fonzu

Della giornata eri stanco, e non per andare a zonzo ( Perché avevi lavorato sodo)
ma una sortita la facevi al bar di zi Fonso

Sutta ogni casa, minava lu bannu Chiappinu
“ La fimmina chiatta è cà crammatinu ”

Sotto ogni abitazione, annunciava col bando Chiappino ( Il banditore)
La femmina chiatta è qua domani mattino ”

( Una donna robusta che veniva a vendere abiti usati )

Chi leggi sapìa, lu pustieri aspittava

si ra terra luntana na littira purtava

Chi sapeva leggere, il portalettere aspettava
se da terra lontana una lettera portava

Pi viaggi pisanti, si jèrivi suli
l’unicu menzu erano li muli

Per viaggi pesanti, se eravate soli (i viaggi meno pesanti si facevano con gli asini)
l’unico mezzo erano i muli

A Vallo arrivavi pi li muntagni e a pperi
o mienzu li mmerci ri lu trainieri

A Vallo arrivavi attraversando le montagne a piedi
o tra le merci del carrettiere

Ra quanna mitteru lu pulmani ri ELTI
parìa nu suonnu ri ì accussì svilti

Da quando misero il pullman ELTI (vecchia compagnia di trasporti della zona)
sembrava un sogno andare così svelti

La prima vittura ca si viretti a lu paisi
l’avìa purtata l’avvucatu Parisi

La prima automobile che si vide in paese
l’aveva portata l’avvocato Parisi

Si nu stivi buonu o nu uai vinìa
cù la bursa e li fierri lu miericu currìa

Se non stavi bene o un guaio sopraggiungeva
con la borsa e i ferri il medico correva

Ca era a na mola, o ruluri a nu renti
cu Archintu passava e puri senza nienti

Fosse stato a un molare, o dolore ad un dente
con Archinto passava e anche senza prendere niente

A la casa vinìa, la vammana pi nasci
e priestu finivi inda li fasci

A casa veniva, la levatrice per farti nascere
e presto finivi dentro le fasce

Ri nu paisi tre su mpurtanti, sempi ricià zi Peppu Allu
u farmacista, u previti e lu marisciallu

Di un paese tre sono importanti, sempre diceva zi Peppo Gallo
il farmacista, il prete e il maresciallo

A la farmacia ri li Spiranza
li miricini si priparavanu cu ogni sustanza

Alla farmacia degli Speranza
le medicine si preparavao con ogni ingrediente

Ron Giorgiu austero la missa ricìa
cu zi Minicucciu ca la sirvìa

Don Giorgio austero, messa diceva
con zi Domenicuccio che la serviva

Ancora oi, comi puri era aieri
a Laurito o Cuccaru su li carabinieri

Ancora oggi, come pure era ieri
a Laurito o Cuccaro sono i carabinieri

Mi pirdunassi chi nunn’aggiu pututu annumminà
ma ngi vulissi nu libru pì tuttu narrà

Mi perdonasse chi non ho potuto nominare
ma ci vorrebbe un libro se volessi di tutti narrare

Chistu è nu cuntu ri poca mpurtanza
ma ri tanti pirsune cu bbona crianza

Questo è un racconto di poca importanza (raccontato con leggerezza)
ma di tante persone con buona creanza

Cunta la storia ri comi si campava, ‘ntiempu luntano
a nu paisi ri lu Ciliento chiamatu Montano

Racconta la storia di come si viveva, un tempo lontano
in un paese del Cilento chiamato Montano

Maggio 2017          Lorenzo Carrato            scarica la versione pdf

Lu maccaturu ri nonna

Lu maccaturu ri nonna

La nonna mia tinìa nu maccaturu
ca si purtava semb appriessu
e lu tinìa inda la sacca ri lu vandisinu.
Sulu c’ascjìa ngoppa a lu aifu
nnanzi la porta ri la casa,
chiddu maccaturu ra la sacca cacciava
e li capiddi r’argiendu inda ng’arravugliava.
Nu li mpurtava si iennu fora
facia friddu, cauru o sciusciava viendu
picchì senza ri iddu… né a la putìa
né a la chiesia e mangu pi li vicarieddi
ri lu bellu paisieddu ija,
nzumma, nù facìa nu passu fora ri casa
senza lu maccaturu suo.
A bbote, lu ngravugliava comi na rota
e ngoppa la capu lu mittìa
e ddà, po, ngi nni puggiava ri cosi
ca ra la campagna carriava!
Nu fascitieddu ri lìuna ppì fa fuocu a la fucagna,
nu catu r’acqua pigliata a lu vaddunu,
nu cufanieddu ingutu ri cosi bboni:
fasuli, scaroli e pummaroli.
Spissu, chiddu maccaturu lu usava,
comi fussi nu panarieddu e inda ngi purtava
nu tuozzu ri pani, na nticchia ri casu
e na vranga ri ficu siccati:
era lu pranzu ri la jurnata.
Sulu quanna sindìa lu suonu ri la campana
ca n’alitu ri viendu, inda mienzujuornu, a l’auricchi li purttava,
inda l’uortu la zappa a nu pintunu lassava
e mbieri a nu peri r’auliva, a lu ffriscu,
lu maccaturu scraugliava
mangiannu chidda ndicchia ri pane e casu.
Mo, ca lu Signuri m’baravisu si l’è purtata,
lu maccaturu ccù tutti l’ati ricordi ri nonna
inda nu tiraturu scugnulatu stai stipatu.
Tene nu pizzuliddu cunzumatu
addù, chidda vicchiaredda ri nonna mia
lacrime e sururi n’giavia assuppatu.

Il fazzoletto di nonna

La mia nonna aveva un fazzoletto
che portava sempre dietro e
lo teneva nella tasca del grembiule.
Appena usciva sul ballatoio
davanti la porta di casa,
quel fazzoletto dalla tasca cacciava
e i capelli argentati dentro vi avvolgeva.
Non le importava se andando in campagna
era freddo, caldo o soffiava il vento
perché senza di esso… né alla bottega
né in chiesa e neanche per i vicoletti
del bel paesello andava,
insomma, non faceva un passo fuori di casa
senza il fazzoletto suo.
A volte, lo attorcigliava come una ruota
e in testa lo metteva
e la, poi, ce ne poggiava di cose
che dalla campagna trasportava!
Una fascina di legna per fare il fuoco nel camino,
un secchio d’acqua preso al fiume,
un cesto pieno di cose buone:
fagioli, scarole e pomodori.
Spesso, quel fazzoletto lo usava,
come fosse un cestino e dentro ci portava
un tozzo di pane, un pezzetto di formaggio
e una manciata di fichi secchi:
era il pranzo della giornata.
Solo quando sentiva il suono della campana
che un alito di vento, intorno a mezzogiorno, all’orecchio le portava,
nell’orto la zappa in un angolo lasciava
e ai piedi di un albero d’ulivo, al fresco,
il fazzoletto snodava
mangiando quel tozzo di pane e formaggio.
Adesso, che il Signore in paradiso l’ha portata,
il fazzoletto con tutti gli altri ricordi di nonna
dentro un cassetto sgangherato è conservato.
Ha un angolino consumato
dove, quella vecchierella di mia nonna
lacrime e sudore ci aveva asciugato.

Maggio 2009     Carmine De Dominicis

A castagna patriota

A castagna patriota

Mmi chiaman a castagna cilentana
ssù nata ngoppa a n’arbiru siculare.
Na matina avietta, nu sciusciu ri viendu ri tramundana
mmi facetti cari ngoppa nu tappitu ri frunne e
abbruzzulannu abbruzzulannu rendi lu vaddunu,
mmi firmai mbacci a nu piscunu.
Po, na manu singhijata ra li hjacchi
ra terra m’arrunau e inda nu saccu m’arrivacau,
ddà ascundai tante cumpagnedde, tutte cu la stissa sciorta.
“Ue! Tu si a scartiddata… ca stivi faccifrunti?”.
“E tu chi si? Tu si a spirtusata… Chidda ca tinìa lu vermu n’gapu”
“E tu?” “Io … io su a gimella, sulu ca simu una sicca e nata chiatta”
“E tu?” “Vui nu mi cunusciti, picchì stìa a lu scuru arretu li frunni,
addù nu trasìa mangu na vrenzula ri luci”
“Ué Ué… e ri mi vi ricurdati?” “Iamu belli ià, chi si?”
“Io su a bbizzoca, stia a l’urtimu ramu e
ra ddà ngoppa viria tuttu lu paisieddu
e lu campanaru ri la chiesia, addu io ngi priavu”.
Na castagna zica zica ra lu funnu ri lu saccu si lamenta e ddici:
“Che ma fa cca inta, mmi manga lu hjatu!”
“A r’avì na ndicchia ri pacienza,
crai o piscrai ngi portanu a lu vuttaru e…
po facimu tutte la stissa fine”.
“ Uè… e chi fine avima fa?”
Addimmannao a castagna zica, a l’istante l’ati rispunnero:
Vinìmo cotte rrivutate inda la vrulara
cu na spaccata a lu cori e
chidd ate vuddute inta nu stifaturu,
ngoppa nu tripiti a lu fuocu ri la fucagna,
ndiempo ri viernu cù nu bicchieri ri vinu
tutti li famiglie facimu filìci.
N’tiempu passatu nnè mu virute ri mali patenze
avimu scanzatu muorsi r’animali, anziemi a bombe ri la uerra.
Nui castagne cilentane n’avimu mai traruto,
nun gi simu mai ammucciate sutta li frunne.
Certo faciiàmo na brutta fine, ma tannu ngera la fame,
e cu ddu ppocu ri farina c’avimo ratu a lu cuntadinu,
nnì facìa cotte ri pani pì sfamà la famiglia!
Si tanti criaturieddi o vicchiarieddi
pì lu munnu mo stanu a camminà
a nnuie castagne patriote nu grazie ng’è na rà.

La castagna patriota

Mi chiamano la castagna cilentana
sono nata su un albero secolare.
Una mattina di buon’ora, un soffio di vento di tramontana
mi fece cadere su un tappeto di foglie e
ruzzolando ruzzolando lungo la riva del fiume
mi fermai a ridosso di un masso.
Poi, una mano segnata dalle rughe
da terra mi raccolse e in un sacco mi rovesciò,
là incontrai tante compagnelle, tutte con la stessa sorte.
“Ehi! Tu sei la gobba… che mi stavi di fronte?”.
“E tu chi sei? Tu sei la bucata… Quella con l’insetto in testa”
“E tu?” “Io… io sono la gemella, solo che siamo una secca e l’altra cicciotta”
“E tu?” “Voi non mi conoscete, perché stavo al buio dietro le foglie,
dove non entrava neanche un raggio di luce”
“Ehilà… e di me vi ricordate?” “Su vediamo, chi sei?”
“Io sono la singola, ero all’ultimo ramo e
da lassù vedevo tutto il paesello
e il campanile della chiesa, dove io pregavo”.
Una castagna piccolina dal fondo del sacco si lamenta e dice:
“cosa facciamo qui dentro, mi manca il respiro!”
“Devi avere un po’ di pazienza,
domani o dopodomani ci portano in cantina e…
poi faremo tutte la stessa fine”.
“Ehi… che fine dobbiamo fare?”
Chiese la piccola castagna, all’istante le altre risposero:
Verremo cotte rivoltate nella padella
con un taglio al cuore e
quelle altre bollite in un pentolone,
sul treppiede nel camino,
in inverno con un bicchier di vino
tutte le famiglie facciamo contente.
Nei tempi passati ne abbiamo viste di sofferenze
abbiamo scansato morsi di animali e bombe della guerra.
Noi castagne cilentane non abbiamo mai tradito,
non ci siamo mai nascoste sotto le foglie.
Certo facevamo una brutta fine, ma allora c’era la fame,
e con quel poco di farina che abbiamo dato al contadino
ne faceva di pane per sfamare la famiglia!
Se tanti piccolini o vecchierelli
per il mondo stanno camminando
a noi castagne patriote un grazie ci devono dire.

Dicembre 2009   Carmine De Dominicis